Home » Orlando Furioso illustrato da Gustave Doré (I Grandi Classici Illustrati della Letteratura Vol. 6) by Ludovico Ariosto
Orlando Furioso illustrato da Gustave Doré (I Grandi Classici Illustrati della Letteratura Vol. 6) Ludovico Ariosto

Orlando Furioso illustrato da Gustave Doré (I Grandi Classici Illustrati della Letteratura Vol. 6)

Ludovico Ariosto

Published March 21st 2013
ISBN :
Kindle Edition
Enter the sum

 About the Book 

- EDIZIONE ILLUSTRATA CON 80 SPLENDIDE TAVOLE DI DORÉ(per ingrandire fare doppio tap sulle immagini)- Invito alla lettura e scheda critica essenziale- Edizione integraleL’Ariosto inizia a comporre l’Orlando Furioso tra il 1504 e il 1505, e neMore- EDIZIONE ILLUSTRATA CON 80 SPLENDIDE TAVOLE DI DORÉ(per ingrandire fare doppio tap sulle immagini)- Invito alla lettura e scheda critica essenziale- Edizione integraleL’Ariosto inizia a comporre l’Orlando Furioso tra il 1504 e il 1505, e ne pubblica la prima edizione nel 1516- ma in pratica continuerà a rivedere e correggere l’opera per tutta la vita. Lultima revisione – a carattere soprattutto stilistico, con lo sfoltimento dei latinismi e delle forme dialettali emiliane a vantaggio del toscano letterario – vede la luce nel 1532, poco prima della morte del poeta. Il poema si pone come un proseguimento dell’Orlando Innamorato del Boiardo: l’Ariosto stesso presenta l’opera come un’aggiunta a quella dell’illustre predecessore- i protagonisti principali sono i medesimi, e ugualmente presente è la commistione tra ciclo epico-religioso e quello d’amore e avventura (con però una netta prevalenza di quest’ultimo). D’altra parte la materia dell’Orlando Furioso è quasi tutta preesistente all’Ariosto, che da questo punto di vista si limita a rivisitare, integrare e cucire materiale proveniente dalla grande tradizione del romanzo cavalleresco, dalla novellistica, dai canti popolari, dai classici greci e latini (Omero, Virgilio, le Metamorfosi di Ovidio), da opere storiche e geografiche. L’Ariosto è infatti abilissimo nel mescolare sapientemente la tradizione colta con quella popolare, secondo una tendenza tipica della letteratura umanistica e rinascimentale. Il filo rosso che lega le trame del poema è senza dubbio l’avventura, che presenta a tratti un ritmo incalzante e rocambolesco- la fittissima trama di episodi e personaggi determina una sorta di groviglio inestricabile, che naturalmente non è affatto incontrollato, ma al contrario sapientemente guidato dalla maestria compositiva del poeta, e dalla sua perfetta padronanza degli schemi narrativi.